La fontana bianca

Un romanzo che oscilla fra scienza e poesia, dalle tinte gotiche e simboliste, costruito su una detection dal ritmo incalzante, attorno ad un mistero che tocca i temi della memoria e di un passato irrisolto.

Trama

Il 14 settembre 2015 il mondo scientifico (ma non solo) è sconvolto da una scoperta di portata rivoluzionaria: alle 9.50, ora di Greenwich, gli interferometri dei centri astronomici statunitensi Ligo di Hanford, nello stato di Washington, e di Livingston, in Louisiana, rilevano delle increspature dell’universo, ovvero delle perturbazioni dello spazio-tempo, chiamate onde gravitazionali, generate dalla fusione di due buchi neri, che hanno attraversato l’universo per oltre un miliardo di anni e sono state intercettate dai centri astronomici americani.

Questo evento costituisce il motore della narrazione.

Il protagonista del romanzo, Guglielmo Boselli, 49enne, fisico, che lavora al centro astronomico Virgo di Cascina in provincia di Pisa, prende spunto da questo episodio scientifico per condurre una indagine investigativa ed intimistica, che parte dal novembre 1983 ed arriva al settembre 2015.

Esiste un legame, infatti, fra le due epoche.

Un legame profondo in relazione, da un lato, ad un crimine irrisolto trent’anni prima, nella città di Ferrara, dove Guglielmo è nato e cresciuto, e dall’altro lato, ad una figura femminile, di nome Teresa, avvolta da un alone di mistero e fascinosa astrattezza.

Gli elementi di questo puzzle (Teresa, il “giallo” incompiuto, le onde gravitazionali) sembrano inizialmente elementi impazziti, disordinati, frammentati, ma trovano, infine, attraverso la detection del narratore, un solido e risolutivo scioglimento.

Un romanzo che si muove dunque su due binari: dapprima una affabulazione memoriale, intimistica, malinconica, un po’ gotica, quando Boselli torna sui luoghi della giovinezza alla ricerca della soluzione dell’enigma; ed in seguito, in modo accelerato, una narrazione serrata, dal ritmo incalzante, alla ricerca della soluzione del rebus.

Video

Per saperne di più, clicca qui per la presentazione video:

https://www.youtube.com/watch?v=6sj0kjzv_yw&feature=share&fbclid=IwAR1-Rd1QTQpvV-WWN-NvxDs_jECh-zS6hwAWUTBHl4KiCopvHvHNQ3ri_4o